Programma I edizione

19-21
novembre
2021

Venerdì 19 novembre

Ingresso gratuito (*), posti limitati

Si taglia il nastro della prima edizione di Dora Nera!

Riccardo Mazza (Project-TO) ha composto la sonorizzazione appositamente composta per il film la eseguirà dal vivo utilizzando sintetizzatori analogici e macchine digitali in una modalità manuale senza ausilio del computer. Lo stile è in musica elettronica e sperimentale contemporaneo. Riccardo ha sonorizzato film per Museo Nazionale del Cinema, Seeyosound, Distretto Cinema, Festival de Popoli, Torino Film Festival ed è curatore di Frequencies la call internazionale dedicata ai giovani compositori per la sonorizzazione di film muti (durata 76 minuti).

Lulu (Die Büchse der Pandora) – Germania 1929 – di Georg Wilhelm Pabst con Louise Brooks, Fritz Kortner, Carl Goetz, Gustav Diesel
128’
Da Lo spirito della terra (1895) e Il vaso di Pandora di Frank Wedekind (1904). Fioraia ambulante e presunta figlia di mendicante, Lulu ha una relazione col ricco e cinico Schön, manda al cimitero due mariti, diventa ballerina, si fa sposare da Schön e diventa amante di suo figlio Alva. Processata e assolta per l’uccisione del marito, Lulu fugge a Parigi, poi a Londra, si prostituisce ed è uccisa da Jack lo Squartatore. Una delle punte alte del cinema di Pabst questo film muto, oggetto di approfondite analisi per il complesso equilibrio tra realismo critico, stilizzazione, immobilismo eversivo, esaltazione della sensualità, sostrato di pietà per i personaggi. Indubbio anche che la sua forza nasce dal talento del regista con la presenza magica della Brooks. 

Una visita guidata appassionante che segue un filo rosso sangue. Attraverso la ricostruzione da documenti d’archivio, farete un viaggio nel tempo in cui peste e untori, delitti senza nome ed inquietanti processi segnalavano il Quadrilatero come uno dei luoghi più Noir di Torino. 200 scalini per salire sul tetto della Città per una vista mozzafiato e da lì, nella luce blu del tramonto, iniziare un viaggio nell’anima più oscura di Torino, con aperture straordinarie che vi mostreranno la Città come non l’avete mai vista prima. A cura di Somewhere Tour.

Prenota subito 

Info&prenotazioni
https://www.somewhere.it
booking@somewhere.it
tel 011 6680580

Sabato 20 novembre

Ingresso libero (*), posti limitati
Proiezione de La fiamma del peccato (Double Idemnity) – USA 1944 – di Billy Wilder con Fred McMurray, Barbara Stanwyck, Edward G. Robinson
107′
Dal romanzo (1936-44) di James M. Cain, sceneggiato da Raymond Chandler: un assicuratore diventa l’amante di una donna e suo complice nell’assassinio del marito per riscuoterne l’assicurazione sulla vita. Un ispettore suo collega lo smaschera dopo che ha ucciso, per difendersi, la donna. Uno degli archetipi del cinema nero degli anni ’40 con una memorabile Stanwyck come dark lady in biondo (con braccialetto alla caviglia): un intreccio inestricabile dal forte chiaroscuro della fotografia di John Seitz, l’ossessiva colonna musicale di M. Rosza che sottolinea la fatalità della vicenda, un eccellente terzetto di interpreti. 6 nomination agli Oscar senza vincerne nemmeno uno.

In seguito a una open call che ha raccolto oltre 100 manoscritti, la redazione della rivista letteraria CRACK e i giudici: Pasquale Ruju, Andrea Cavaletto, Tatjana Giorcelli e Piero Ferrante, presentano il numero speciale “da paura” che contiene solo i dieci racconti migliori, e una doppia sorpresa per gli amanti del noir.

Conversazione con gli scrittori Alice Basso, Massimo Carlotto, Enrico Pandiani e Piergiorgio Pulixi, Pasquale Ruju. Modera Mirko Giacchetti.
Cinque affermati scrittori si confrontano su uno dei punti più caldi della scrittura noir: l’incisività e la forza del dialogo.

Da sempre gli artisti cantano le tragedie e Le Murder Ballads ( letteralmente “Le Ballate dell’Assassinio”) sono una delle forme di racconto più radicate nella tradizione popolare. Thomas Guiducci ed Arianna Ligi ci accompagneranno in un appuntamento tra storie tragiche e terribili miscelate sapientemente con atmosfere oniriche di amore e morte. I testi dei grandi artisti saranno i protagonisti, da Johnny Cash a Nick Cave, dalla Carter Family ai Traffic, da Leadbelly a Gillian Welch e tanti altri.

Un momento importante e tanto atteso che non ha bisogno di presentazioni, di cui siamo felici e orgogliosi.

Una visita guidata appassionante che segue un filo rosso sangue. Attraverso la ricostruzione da documenti d’archivio, farete un viaggio nel tempo in cui peste e untori, delitti senza nome ed inquietanti processi segnalavano il Quadrilatero come uno dei luoghi più Noir di Torino. 200 scalini per salire sul tetto della Città per una vista mozzafiato e da lì, nella luce blu del tramonto, iniziare un viaggio nell’anima più oscura di Torino, con aperture straordinarie che vi mostreranno la Città come non l’avete mai vista prima. A cura di Somewhere Tour.

Prenota subito 

Info&prenotazioni
https://www.somewhere.it
booking@somewhere.it
tel 011 6680580

Domenica 21 novembre

Ingresso libero, posti limitati
Proiezione de Il servo (The Servant) – GB 1963 – di Joseph Losey – con Dirk Bogarde, Sarah Miles, James Fox, Wendy Craig 116’
Un giovane londinese ricco, inetto e superficiale è a poco a poco dominato dal suo cameriere che introduce in casa la sua amante spacciandola per sorella. Scritto da Harold Pinter da un romanzo (1948) di Robin Maugham che con la secca precisone dei suoi dialoghi libera Losey da residui didascalici, è un ammirevole saggio sui rapporti di classe e sull’antinomia servo-padrone. Difficile trovare un attacco sbagliato, un movimento gratuito della cinepresa, un eccesso o una stonatura nell’uso delle luci. Sapiente scenografie di Richard McDonald (la cosa è qui un personaggio) e sinuosa fotografia di Douglas Slocombe. Un capolavoro spietato.
 

Intervengono: Andrea Cavaletto, Gabriella Genisi, Luca Poldelmengo, Patrizia Rinaldi e Pasquale Ruju; modera Luisa Morandini.
Cosa succede quando un romanzo o un fumetto diventa una serie tv? Ne parlano gli scrittori, incalzati dalla super esperta di cinema Luisa Morandini.

Proiezione di Brivido caldo (Body Heat) – USA 1981 – di Lawrence Kasdan con William Hurt, Kathleen Turner, Richard Crenna, Mickey Rourke 113’

 
Durante una torrida estate in Florida, un giovane avvocato viene assunto da una bella infelicemente sposata con un uomo più anziano e ricchissimo. Colpo di fulmine. I due focosi amanti decidono di far fuori l’ingombrante marito di lei. Primo film di Kasdan, sceneggiatore che ha visto molto cinema e che cerca di recuperarlo, filtrandolo e riscrivendolo con successo. Non si sa dove comincia il ricalco e dove finisce l’omaggio a La fiamma del peccato di Billy Wilder. Uno dei più ardenti film erotici degli anni ’80. Esordio anche di una fulgida, sensuale Kathleen Turner.
*** °°°

Una mezz’ora per divertirsi con il cinema mettendo alla prova la propria conoscenza dei film, la memoria, lo spirito di osservazione sui film visti in questi giorni, sui noir, ma non solo…

Chiudiamo la prima edizione ma pensiamo già al futuro.